Archivio della categoria: MiniDossier

Gli approfondimenti e gli speciali di openpolis

Bilanci dei partiti, la faticosa ricerca della sostenibilità

I sette maggiori partiti italiani hanno migliorato il risultato di bilancio tra 2013 e 2014: anche chi è in perdita, ha perso meno rispetto all’anno prima; segno, in parte, di una ristrutturazione della macchina organizzativa e di un complessivo taglio delle spese. Continua a leggere

“Partiti in crisi”, il nuovo MiniDossier openpolis

In che direzione si stanno muovendo i partiti italiani dopo la progressiva abolizione dei rimborsi elettorali? Un’analisi dei bilanci 2013 e 2014 dei 7 principali partiti italiani, fra nuove fonti di finanziamento e tagli alle spese.
Continua a leggere

Roma, le priorità dei sindaci a confronto

Abbiamo analizzato le spese fatte dal comune di Roma con gli ultimi tre sindaci, per capire quali priorità abbiano privilegiato le amministrazioni che si sono succedute alla guida della capitale. In dieci anni è cresciuta la spesa per il territorio e l’ambiente, mentre è diminuita quella per viabilità e trasporti. Continua a leggere

Come e quando le tasse locali hanno sostituito i trasferimenti statali

Il 5 giugno in oltre 1300 comuni, tra cui le 4 città maggiori, si andrà al voto per rinnovare sindaco e consiglio comunale. I cittadini valuteranno l’operato delle amministrazioni uscenti anche sul tema fiscale. Ma sul fronte tasse e imposte ci sono diverse considerazioni da fare. Continua a leggere

Tempo di bilanci, nuovo MiniDossier di openpolis

Un approfondimento sui bilanci comunali delle principali città al voto: Roma, Milano, Napoli e Torino. Abbiamo confrontato la gestione dei sindaci negli ultimi dieci anni per evidenziare trend e scelte su fisco, debito e priorità. Continua a leggere

Berlusconi, Monti, Letta e Renzi: con quale premier ci sono stati più cambi di gruppo?

Il numero di cambi al mese è il più alto da venti anni. Ma nel dettaglio degli ultimi quattro governi, chi detiene il record? L’attuale legislatura va al doppio della velocità rispetto alla precedente, l’impennata durante il governo Letta, ma anche l’esecutivo guidato da Matteo Renzi non scherza. Continua a leggere