Asili nido, quanto spendono i Comuni italiani

Qual è la spesa pro capite dei grandi Comuni italiani per gli asili nido? In media parliamo di €75 per ogni cittadino. Fra le città che investono di più troviamo Trieste (€135,25), Roma (€114,01) e Milano (€113,34). In fondo alla classifica Messina (€6,04).

Fra i servizi fondamentali nelle mani delle amministrazioni locali rientrano certamente gli asili nido. Un elemento chiave alle interno delle dinamiche di una città, che spesso e volentieri influisce considerevolmente sulle tasche dei cittadini.

Su openbilanci è possibile capire esattamente qual’è l’investimento delle nostre città per questo servizio. Parliamo della sommatoria della spesa stanziata dal Comune per sostenere gli asili nidi pubblici ed eventuali finanziamenti a strutture private. Include anche tutti i servizi di tutela per l’infanzia e i minori, come i centri di assistenza.

Nell’ultimo anno di rilevazione in media le 15 città più grandi d’Italia spendevano €75 pro capite per gli asili nido, in crescita di €5 rispetto all’anno precedente. A guidare la classifica Trieste (€135,25), Roma (€114,01) e Milano (€113,34). Solamente altre due città (Firenze e Venezia), spendevano più di €100 a cittadino.

Da bilancio consuntivo, fra i grandi Comuni, le città che investivano di meno negli asili nido erano Padova (con €40,6 pro capite), Palermo (€31,85) e Messina (€6,04).

Per approfondimenti: