Cambio di gruppo di fine anno, e si arriva a quota 388

Il 29 dicembre l’onorevole Bruno Murgia, subentrato a ottobre in parlamento, è passato dal gruppo Misto a Fratelli d’Italia. È il 213° cambio di casacca alla camera, con 147 deputati coinvolti. Assieme a quelli del senato, il giro di valzer ha riguardato 264 parlamentari: circa 9 al mese.

Botti di fine anno anche in parlamento, con l’ennesimo cambio di gruppo tra i nostri eletti. L’onorevole Bruno Murgia il 29 dicembre è passato dal gruppo Misto a Fratelli d’Italia. Il deputato, alla sua terza legislatura, era subentrato pochi mesi prima a Settimo Nizzi, eletto nell’estate sindaco di Olbia. Passaggio, quello al movimento guidato da Giorgia Meloni, in linea con il passato politico di Murgia, già presidente provinciale di Alleanza nazionale a Nuoro.

Continua il primato della camera sul senato per il numero totale dei cambi di casacca: 213 da inizio legislatura con 147 deputati coinvolti (23,33% dell’aula). Numeri assoluti inferiori per il senato: 175 spostamenti totali con 117 senatori protagonisti (36,56% di Palazzo madama).

In totale le due aule messe assieme raggiungo 388 cambi di gruppo da inizio legislatura , con 264 parlamentari coinvolti (27,79% degli eletti). Parliamo di circa 9 cambi di casacca al mese dalle politiche del 2013, il doppio rispetto alla scorsa legislatura in cui la media era di 4.
Per approfondire:

  • ennio mosci

    Questa è la prova provata che bisogna cambiare le regole del gioco. Non si cambia casacca, si va a casa.

    • il vincolo di mandato è una disposizione meravigliosamente democratica. L’aveva L’URSS ed è rimasta a Cuba. Non bisogna cambiare le regole, bisogna scegliere persone di buonsenso.

    • Snoopix

      La regola dovrebbe essere che dal proprio gruppo di elezione si possa andare solo al misto. Niente ri-schieramenti e per le vere crisi di coscienza, basta il sostegno esterno alle posizioni in cui ci si vede meglio.

  • AteistaDarwiniano

    Vincolo di mandato subito.
    Con i politici “moderni” è divenuta una necessità.

    • Snoopix

      Il sogno democratico del M5S…decide tutto lo staff e il sacro Blog…perché allora pagare lo stipendio ai parlamentari? Facciamo un’assemblea di segretari/proprietari di partito e festa finita. Con 10 stipendi abbiamo risolto…