Partecipate municipali, quanti utili vanno nelle casse comunali?

Nel programma dell’attuale governo c’è la riduzione delle aziende partecipate da 8000 a 1000. Per alcuni si tratta di un freno alla gestione clientelare del potere locale, per altri è la premessa di una privatizzazione dei servizi pubblici. Ma dei loro ricavi, quanti soldi entrano nelle casse dei comuni?

Le aziende partecipate municipali si occupano di vari settori: mobilità urbana, rifiuti, acquedotti, riscossione dei tributi e altre attività economiche. Operando sul mercato, spesso in regime di monopolio, possono produrre dei profitti che sono ripartiti tra i loro soci: società private o enti pubblici, come i comuni.

Abbiamo preso in considerazione le 15 città più popolose per verificare quanti soldi pro capite ricavano dalle loro partecipazioni in società. I dati si riferiscono ai bilanci consuntivi per cassa relativi all’anno 2013.

Milano è la città che guadagna di più dalle sue municipalizzate : oltre 78 euro per ogni residente. Segue Trieste, al secondo posto con € 58,17 pro capite.

Rispettivamente in terza e quarta posizione due città dell’Italia centrosettentrionale: Bologna (€ 38,77) e Firenze (€ 34,58). Poco sotto due capoluoghi veneti: Verona (€ 32,07) e Padova (€ 30,51).

Al di sotto della media delle maggiori città italiane tutti gli altri comuni considerati. Tre città siciliane, Messina, Palermo e Catania non ricevono nessun utile da partecipazioni in società . Poco sopra Venezia (€ 0,03 per abitante).

Per approfondimenti:

  • patrizio russo

    Bisogna anche considrrare che diverse società partecipate, pur non liquidano dividendi al Comune socio, con le risorse generate dai servizi a rilevanza economica, assorbono i disavanzi di servizi fisiologicamente in perdita, loro affidati dai Comuni, mantenendo i propri bilanci in equilibrio