2 anni di Renzi, le larghe intese al governo

Sono 6 i partiti politici che in questi due anni hanno partecipato con un ruolo di potere all’esecutivo guidato da Matteo Renzi. Fra ministri, viceministri e sottosegretari, l’evoluzione della composizione della 63° squadra di governo della Repubblica italiana.

Il vero cambiamento che ha contraddistinto la politica italiana negli ultimi anni è il passaggio da governi di coalizione a governi di larghe intese. Il quarto governo Berlusconi era guidato dal Popolo delle libertà, affiancato dalla Lega nord.

Erano dunque solo due partiti, un terzo di quelli che oggi fanno parte dell’esecutivo Renzi: Partito democratico, Scelta civica, Nuovo centrodestra, Partito socialista italiano, Unione di centro e Democrazia solidale. Sono 6 i movimenti politici che hanno attualmente un ruolo di potere (ministro, viceministro o sottosegretario).

6

La squadra del governo Renzi è stata completata alla fine del febbraio 2014. Da allora vari avvicendamenti hanno variato la sua composizione. Attualmente ne fanno parte 63 persone, il numero più alto da due anni a questa parte.

Dietro al Partito democratico (35), il secondo partito con più membri è il Nuovo centrodestra (13). Sul gradino più basso del podio, la squadra di indipendenti e tecnici che conta 7 incarichi. La percentuale di donne e under 40 nel governo Renzi è costantemente in calo dal 22 febbraio ad oggi. Attualmente rappresentano rispettivamente il 25,40% e il 6,35% del totale.

7

Per approfondimenti: