Acquisto di immobili, la classifica dei Comuni

Palazzi, edifici, prefabbricati e terreni di proprietà comunale. Quanto si investe ogni anno per il loro acquisto? La classifica di openbilanci vede Roma in testa. Nel 2012 la Capitale spendeva €526 pro capite per l’acquisto di immobili. Subito dietro Venezia e Milano.

Fra le varie spese che un Comune deve affrontare, quella per l’utilizzo di immobili o terreni è spesso la prima a finire sotto la lente di ingrandimento di una spending review . La scelta di acquistare piuttosto che affittare  è ormai molto comune, nel tentativo di ridurre le spese fisse e programmare a lungo termine.

La voce in questione include tutte le spesa destinate all’acquisto di beni immobili, quali edifici, uffici, fabbricati o terreni. Per rendere un’idea delle cifre di cui stiamo parlando, abbiamo fatto una classifica pro capite delle 15 città più popolose d’Italia. La spesa media per l’acquisto di beni immobili è di €200 all’anno per ogni cittadino.

Gli ultimi dati analizzati e comparati risalgono al bilancio consuntivo 2012. In cima alla classifica troviamo Roma, che investiva €526,67, subito dietro Venezia, con €443,31, e Milano (€408,48). Appena fuori dal podio troviamo Napoli, che nel 2012 destinava €283 a cittadino a questa voce di spesa.

Al vertice opposto della classifica troviamo Firenze, quartultima con €83,28 pro capite. Le ultime tre nell’ordine sono Messina, Palermo e Catania, che nel 2012 spendevano rispettivamente €74,86, €73,41 e €52,15.

Per approfondimenti: