Nuovi indicatori e più funzioni su openbilanci.it

I bilanci degli ultimi 10 anni di oltre 8000 Comuni italiani da oggi cambiano forma. Openbilanci si rinnova con nuova grafica, classifiche, indicatori e funzioni. Più chiarezza e più trasparenza sui budget delle amministrazioni locali.

A maggio il network openpolis si è arricchito di una nuova piattaforma, openbilanci.it. Per la prima volta in Italia i bilanci di tutti i Comuni sono stati resi comprensibili e a disposizione dei cittadini. Da oggi si evolve, rinnovandosi e fornendo ulteriori strumenti per orientarsi meglio nel complicato mondo dei budget comunali.

Classifiche nel dettaglio. Da classifiche solamente per macro-aree di entrate e spese, alla possibilità per gli utenti di fare confronti per ogni singola entrata dei bilanci comunali. E’ quindi possibile, per esempio, andare a scoprire chi spende di più in asili nido, gestione dei rifiuti, trasporti pubblici e tanto altro.

Nuovi indicatori per capire meglio. Qualora dettagli e classifiche non bastassero, openbilanci rilascia una serie di indicatori, di vario tipo, per meglio capire le dinamiche dei bilanci comunali. Abbiamo scelto alcuni aspetti chiave dei budget, andando a caccia di quelle tematiche che consideriamo più politicamente e socialmente rilevanti. Smaltimento dei residui passivi, debito complessivo e dipendenza dallo stato, sono solo alcuni dei vecchi e nuovi indicatori disponibili su openbilanci.it.

Il tuo Comune rispetto ad altri. La pagina del tuo Comune si arricchisce. Nella sezione dedicata agli indicatori, oltre all’andamento nel tempo e allo storico dei Sindaci, è disponibile una rapida overview della posizione in classifica della tua città nei diversi parametri presi in considerazione, da autonomia finanziaria a debito complessivo passando a rigidità della spesa.

Per approfondimenti:

  • Vi ringrazio per il servizio che fornite ai cittadini, e sarebbe molto interessante se riusciste ad aggiornare i bilanci con i consuntivi 2013, ed i preventivi e consuntivi 2014, poiché sono i conti pubblici più recenti e quindi più “vicini” ai cittadini circa le recenti elezioni amministrative, in tal modo i cittadini possono capire meglio come amministrano i nuovi amministratori. Grazie ancora